Correre per credere

05Mag
0Comments

Mettiamo in pausa il focus sugli asini perché da questo blog non abbiamo ancora parlato di cavalli. Cogliamo al volo l’ispirazione stimolata dalla corsa di Ulla.

Ulla è una pony selezionata in Olanda per diventare una Shetland di taglia molto piccola. E’ un animale giovane ma che ha conosciuto molti bambini, che ne ha viste… sa che con i bambini ci si può divertire, oppure no.

Una pony in corsa può ricordare le fughe che a volte le nostre menti scelgono in occasioni di pericolo, paura, angoscia. Eppure, la corsa di una pony mantiene quella leggerezza e gaiezza che tanto difficilmente, come esseri umani, riusciamo a provare.

Quando Ulla corre è come se una piccola scintilla si accendesse, come se di ragioni per correre ce ne fossero a bizzeffe, e non serve che ci sia un predatore nei paraggi. Ulla si trasforma in una freccia che attraversa l’ambiente, che lo fa proprio; una piccola pallina di energia in relazione e sinergia al contesto, dentro il movimento del contesto.

In effetti, c’è da correre se non si è sazi di libertà. C’è da correre se il sole splende o il vento scompiglia il paesaggio. C’è da correre se la pioggia è battente e si ha la forza di goderne.

Così come per un asino è fondamentale stare, per un cavallo è fondamentale sprigionare movimento.

Ed ecco che il comportamento di Ulla può servire da esempio: quando ci coglie una paura lasciamo che essa si liberi, permettiamo che possa esprimersi, traduciamola in movimento: salviamo la paura, spesso è salvifica…

Ti potrebbe interessare:

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: